A1F: Club Italia 0 – 3 Scandicci (Gallery)

La quarta giornata di ritorno della Samsung Volley Cup vede il Club Italia CRAI cedere sotto i colpi della Savino del Bene Scandicci che conquista la vetta della classifica export_web_026imponendosi sulle azzurrine per 3-0 (15-25, 15-25, 20-25). Dopo l’asenza dovuta per un problema alla spalla, rientra in campo fin dal primo set la schiacciatrice Elena Pietrini, Per l’avvio di gara il tecnico federale Massimo Bellano si affida al sestetto composto da Pietrini, Lubian , Scola, Sylvia Nwakalor, Fahr e Battista 4, con De Bortoli come libero. Coach Carlo Parisi risponde con Bosetti, Adenizia, Haak, Vasileva, Stevanovic, Malinov e il libero Merlo.
CRONACA: Sono l’attacco di Battista e l’ace di Lubian a ristabilire la parità sul 2-2 in avvio di primo set. La squadra ospite tenta un primo allungo ma le azzurrine non lasciano le avversarie allontanarsi troppo e arginano l’avanzata toscana con Nwakalor e Battista (4-5). Scandicci prende in mano la situazione e conquistato un margine consistente (+9 con l’attacco di Haak che sigla il 7-16) continua macinare punti chiudendo agevolmente il primo parziale a proprio favore (15-25).
Il secondo set si apre nel segno della formazione toscana che si porta sul +3 (1-4). Un break firmato da Nwakalor, Fahr e Battista riavvicina le azzurrine (4-6). Il Club Italia CRAI continua a mantenere la scia delle avversarie ma Scandicci è abile a sfruttare l’inerzia a proprio favore e riparte con un allungo che si rivela decisivo. Il set si chiude come il precedente 15-25 a favore della squadra di coach Parisi.
L’avvio del terzo parziale è all’insegna dell’equilibrio (5-5). Migliora l’efficacia in campo delle azzurrine che riescono a ben contenere le accelerazioni avversarie. Un ace di Fahr e gli attacchi vincenti di Lubian e Sylvia Nwakalor tengono le ragazze della formazione federale in partita (13-16). Con determinazione Scandicci cerca la vittoria piena, che vale anche la vetta della classifica, e chiude il set e partita (20-25).
MASSIMO BELLANO: “Muro e ricezione mi sono piaciuti molto: a muro siamo riusciti a rimanere belli ordinati, a toccare molti palloni e abbiamo fatto divesre cose interessanti. Di contro in difesa aspettiamo ancora troppo la palla addosso e andiamo a cercarla poco nei tocchi del muro e l’attaccante nelle situazioni in cui abbiamo muro aperto e siamo fuori muro. Mi aspettavo qualcosa in più in attacco, in cambiopalla tenuto tenendo conto che questa è una squadra che una fisicità e una condizione davvero di primo livello. In contrattacco sia la precisione e la scelta dei colpi di palleggiatori e attaccanti non sono sempre state all’altezza della situazione. Ne avevamo già poche perché loro non ci hanno concesso tanto e quelle poche azioni che abbiamo avuto potevamo e dovevamo giocarle meglio. Le scelte di formazioni di ogni partita sono dettate da quanto accade durante la settimana: quando ci sono giocatrici non in condizione approfittiamo per far fare esperienza a tutte anche in ruoli diversi per vedere come se la cavano. Si tratta di scelte tecniche e da quello che poi ci dice l’infermeria. A noi le partite servono per giudicare le atlete in proiezione estiva e per valutare al meglio le possibilità per il loro futuro”.

Fonte: Federvolley.it

Full gallery Here

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...