A1F Coppa Italia (Finale): Conegliano 3 – 0 Busto

> > > Full Gallery Here < < <

La 42^ Coppa Italia di Serie A1 Femminile è dell’Imoco Volley Conegliano. Le Finali di Busto Arsizio, evento organizzato da Lega Pallavolo Serie A Femminile e Master Group Sport, si concludono con il PalaYamamay ‘sold out’ (oltre 4400 le presenze sugli spalti) e il successo delle pantere, che superano 3-0 la Unet E-Work Busto Arsizio e scrivono per la seconda volta il proprio nome nell’albo d’oro della competizione (dopo il successo a Firenze nel 2017 e le due sconfitte in finale a Bologna e Verona nelle ultime due stagioni). Dopo la Supercoppa Italiana di novembre e il Mondiale per Club di dicembre, le gialloblù di Daniele Santarelli firmano un meraviglioso tris di trofei e si confermano squadra formidabile: le farfalle di Stefano Lavarini oppongono tutta la resistenza possibile – c’è anche l’esordio di Francesca Piccinini in maglia biancorossa – ma non riescono a contenere la potenza di Paola Egonu (18 punti) e delle altre attaccanti venete, orchestrate magistralmente dall’MVP Joanna Wolosz.

La cronaca:

Vissuta l’emozionante interpretazione dell’Inno di Mameli da parte del coro delle voci bianche ‘Sintonia’ di Olgiate Olona, comincia lo show. Starting six invariati rispetto a 24 ore fa. L’Imoco schiera Egonu opposta a Wolosz, Hill e Sylla in banda, Folie e De Kruijf al centro, De Gennaro libero. La Unet E-Work propone Lowe-Orro, Gennari-Herbots, Bonifacio-Washington e Leonardi. Washington e l’ace di Lowe portano avanti la UYBA 5-8. Egonu alza il ritmo, Wolosz tocca di seconda e Hill in pipe pareggia a quota 8. Egonu poi sbaglia, il muro gialloblù commette invasione e Busto Arsizio scatta di nuovo 9-12. Rientra l’Imoco, affidandosi al suo opposto. Pallonetto di De Kruijf e prodigio di Leonardi in recupero, Lowe firma il 15-16 e il palazzetto alza i decibel. Il servizio di Lowe propizia il colpo di Washington, prima che Sylla ed Egonu riportino il vantaggio nella tana delle pantere (18-17). Lavarini inserisce Villani per Gennari, ma l’urlo è di Sylla che mura la fast di Washington: 19-17 e time out bustocco. Prende il largo l’Imoco con la slash di De Kruijf, tra le lombarde dentro Cumino e Bici. L’errore al servizio di Gennari frena la rimonta (22-19). Primo tempo e muro vincente di Folie e 25-20. Sulla scia del finale di set precedente, l’Imoco scatta veloce nel secondo parziale con Sylla ed Egonu. Prima Washington – con tocco del muro ravvisato dal video check – e poi Herbots aggiustano le cose (7-6). Muro di Sylla, contrattacco di Hill e +4 pantere (10-6). Diagonale strettissimo di Egonu, Bonifacio sbaglia il servizio e l’Imoco allarga il margine fino al 14-9, costringendo coach Lavarini al time out. Il servizio di Hill è indigesto per la ricezione bustocca, così Piccinini fa il suo esordio assoluto con la maglia biancorossa. Il punto successivo, chiuso dalla pipe di Hill, riflette la forza dell’Imoco in tutti i fondamentali: De Gennaro difende, Wolosz smista e l’attacco produce punti (17-9). Dentro anche Botezat, mentre Orro e Herbots recuperano parte del distacco (19-13). Appoggio errato di De Kruijf, Busto è a -5 (21-16). Piccinini prima va fuori di un soffio, poi indovina il mani out e firma il suo primo punto in maglia UYBA: 23-18. Egonu sovrasta il muro avversario, Herbots va lunga e 25-18. Lavarini conferma Piccinini e Botezat nel terzo set e la UYBA tiene fino al 5-5 firmato dalla Regina, che poi lascia il posto a Gennari. Sylla conclude un’azione da manuale delle pantere, 7-5. Herbots subisce il muro di Sylla e lascia spazio a Villani. Egonu ravvisa un problema al ginocchio sul 9-7 e chiede il cambio (c’è Sorokaite). L’apprensione in panchina dura lo spazio di qualche punto. Dopo il mani out di Gennari, l’opposto rientra (13-10). Fast e ace di De Kruijf, 16-11 e time out UYBA. Egonu, Folie, tutte le attaccanti gialloblù a segno e il tabellone segna 18-12. Spaventoso primo tempo di Folie, 20-13. Le farfalle vogliono lasciare un bel ricordo ai propri tifosi e si lanciano su tutti i palloni. La potenza di Egonu però è incontenibile: due bordate e 24-16. Un ace dell’opposta della Nazionale scrive i titoli di coda. Supercoppa, Mondiale per Club e ora Coppa Italia: l’Imoco fa tris.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.